Cibo umido e secco per gatti anziani: come scegliere il migliore

Esiste un modo corretto per alimentare il gatto anziano? Sì, e tutti dovrebbero conoscerlo: ecco quali sono gli elementi fondamentali di cui un gatto senior non può fare a meno nella propria vita.

Probabilmente hai familiarità con il detto “sei quello che mangi“. Ma lo sai che non si applica solo agli umani, ma anche ai gatti? Quando si parla di longevità e qualità della vita del gatto, non esiste fattore determinante maggiore della dieta.
Come tutti gli esseri viventi, i gatti richiedono una certa formulazione di nutrienti nelle loro diete e se il loro cibo non fornisce quei nutrienti, il gatto non prospererà e potrebbe sviluppare numerose patologie mediche.

Gatto anziano: cosa deve mangiare

Capire le esigenze del gatto anziano: consigli alimentari

Non dovresti avere problemi a capire l’importanza della qualità nella dieta del gatto, ma potresti essere un po ‘confuso quando si tratta delle caratteristiche specifiche dell’alimentazione per gatti senior rispetto a gattini e giovani adulti.

I gatti hanno gli stessi requisiti nutrizionali di base per tutta la vita, ma i rapporti possono cambiare e alcuni nutrienti possono diventare più essenziali.

Per sapere qual è il miglior alimento per il nostro gatto, è necessario conoscere le nozioni base dei bisogni nutrizionali per i gatti.

Leggi l’editoriale Guida alla Nutrizione del Gatto

La dieta del gatto anziano: cosa non deve mancare

Quando il tuo gatto si avvicina all’anzianità, i suoi bisogni cambieranno. Non solo inizierà a prendersela più comoda, ma anche il suo metabolismo potrebbe rallentare. Per alcuni gatti, il metabolismo rallenta in modo significativo e il gatto assumerà una quantità significativa di peso semplicemente mangiando la stessa dieta che ha sempre seguito. Per gli altri gatti, tuttavia, potrebbe essere vero il contrario: molti gatti anziani hanno anche problemi con la digestione e l’assorbimento di sostanze nutritive che possono portare a una perdita di peso malsana.

Come regola generale, un gatto è considerato un gatto anziano quando raggiunge i 7 anni di età. Dopo i 7 anni, il fabbisogno energetico giornaliero del gatto generalmente diminuisce fino a raggiungere i 10 o 11 anni – a questo punto, il suo fabbisogno energetico può riprendersi come durante il resto della sua vita. Tuttavia, ogni gatto è diverso, quindi dovrai tenere d’occhio le abitudini alimentari del tuo gatto e il suo peso man mano che invecchia.

Secondo uno studio nazionale americano (fonte Kittycatter), più della metà dei gatti di età superiore ai 15 anni sono considerati sottopeso. In molti casi, ciò è dovuto a cambiamenti nel corpo del gatto per quanto riguarda la digeribilità dei nutrienti. Man mano che invecchiano, molti gatti hanno difficoltà a digerire carboidrati, grassi e proteine. Le loro esigenze giornaliere per questi nutrienti possono essere uguali, ma il corpo non è più in grado di utilizzare i nutrienti in modo efficiente. Per affrontare questo problema, potrebbe essere necessario modificare il tipo di cibo che si sta alimentando con il gatto anziano per garantire che le proteine, i grassi e i carboidrati che sta mangiando siano altamente digeribili. Non è mai una buona idea limitare l’assunzione di proteine ​​per i gatti più anziani a meno che non vi sia un problema medico di base.

Un altro fattore che può contribuire alla perdita di peso nei gatti anziani è una ridotta capacità di percepire odore e sapore. Se il gatto non può assaggiare il cibo o annusarlo, potrebbe non avere alcun interesse a mangiarlo.

PetCurean per gatti anziani
PetCurean Senior Grain Free per gatti anziani sono crocchette senza cereali o farine di frumento, ideali per la buona digestione del gatto anziano

I gatti più anziani che hanno problemi dentali possono anche avere problemi a masticare cibi solidi che possono portare a una riduzione dell’apporto calorico e alla perdita di peso. Alcuni proprietari di gatti provano a inzuppare le crocchette del loro gatto con del brodo per aggiungere sapore mentre ammorbidiscono anche i bocconi. Altri passano dalle crocchette al cibo umido perché è generalmente più gradevole e più facile da masticare. Gli alimenti in scatola tendono ad essere più calorici rispetto agli alimenti secchi, il che può essere un beneficio per i gatti anziani che hanno bisogno di aumentare di peso. E di assimilare più liquidi.

Edgard & Cooper per gatti anziani
Edgard & Cooper per gatti anziani è l’umido completo per gatti senior ricco di elementi nutritivi essenziali e proteine di altissima qualità

Una cosa che potrebbe venirti consigliato è un aumentato bisogno di fibra alimentare. L’aumento di fibre aiuta la normale regolamentazione dell’intestino evitando stipsi o casi di diarrea. Non tutti i gatti anziani hanno bisogno di aumentare il loro apporto di fibre – è più comune nei gatti che hanno particolari condizioni mediche come il diabete, la colite o la stitichezza frequente. In alcuni casi, i gatti che hanno la colite o malattie infiammatoria intestinale, hanno difficoltà a digerire proteine ​​e grassi e carboidrati. La malattia renale è anche abbastanza comune nei gatti più anziani e potrebbe richiedere un passaggio a forme più digeribili di proteine ​​in modo che i reni non debbano lavorare eccessivamente per l’assimilazione.

Integratori alimentari per gatti anziani

Molti proprietari di gatti si chiedono se c’è bisogno di introdurre integratori alimentari nella dieta del gatto anziano. Finché il cibo per gatti senior è correttamente formulato, probabilmente non è necessario. Ci sono, tuttavia, alcune malattie che sono comuni nei gatti anziani che possono compromettere la capacità del gatto di assorbire e utilizzare determinati nutrienti. Ad esempio, i gatti con varie malattie intestinali possono avere difficoltà ad assorbire vitamina B12 e potrebbero beneficiare di un supplemento. Assicurati, con il tuo veterinario di fiducia, di identificare eventuali sintomi di potenziali carenze nutrizionali nel gatto e di chiedere informazioni sui supplementi nutrizionali.

Senilife per il supporto del sistema nervoso, dell'organismo e del sistema immunitario del gatto anziano
Innovet Senilife è l’integratore indicato per il supporto dell’organismo del gatto anziano

Scegliere un cibo per gatti senior di qualità

Ora che conosci le basi della nutrizione per gatti e le specifiche della nutrizione per gatti senior, hai le informazioni necessarie per scegliere un cibo per gatti anziano di alta qualità. Anche con tutte queste informazioni a tua disposizione, tuttavia, può essere difficile setacciare la gamma illimitata di opzioni quando si tratta di alimenti per gatti tradizionali. Per aiutarti a fare la tua scelta, ci sono due parti principali dell’etichetta del cibo per gatti a cui devi prestare attenzione: l’analisi garantita e l’elenco degli ingredienti.

  • Analisi garantite – Oltre a garantire che gli alimenti per animali domestici soddisfino gli standard nutrizionali minimi, la regolamentazione europea richiede di riportare un elenco dei valori di quattro nutrienti chiave: proteine ​​grezze, grassi grezzi, fibre grezze e umidità. Questi valori sono calcolati dagli ingredienti utilizzati nel prodotto e possono essere usati per confrontare prodotti simili. Tieni presente che questi valori sono calcolati su una base di sostanza secca: dovrai eseguire alcuni calcoli per convertire i valori dei prodotti alimentari umidi se desideri confrontarli con i cibi secchi. Ricorda, il fabbisogno minimo di proteine ​​per i gatti adulti è del 26% (sebbene il 35% al ​​45% sia l’ideale) e il fabbisogno di grasso minimo è del 5%. Per quanto riguarda la fibra, si vuole vedere un numero piuttosto basso: non più del 3% è l’ideale.
  • Lista degli ingredienti – E’ necessario esaminare il pacchetto di alimenti per animali domestici per valutare la lista degli ingredienti. Questa è organizzata in ordine decrescente per volume, quindi gli ingredienti in cima all’elenco sono presenti nel volume più alto. C’è da tenere presente che alcuni ingredienti contengono molta umidità, il che significa che il volume effettivo di quell’ingrediente potrebbe essere più basso dopo la cottura del prodotto. Questo è vero in particolare per le carni fresche come il pollo che contengono fino all’80% di umidità, mentre la farina di pollo, è già stata cotta a un livello di umidità del 10%, quindi contiene fino a 4 volte la proteina per volume come fresca pollo.

Una risposta a “Cibo umido e secco per gatti anziani: come scegliere il migliore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *